Lo sapevate che un matrimonio cattivo può mettere in pericolo il cuore di una donna ?

Una recente ricerca condotta negli Stati Uniti riporta che nelle coppie “mature” con problemi coniugali, le mogli presentano maggiori rischi per le malattie cardiache!

Uno studio pubblicato su  Journal of Health and Social Behavior ed effetuato presso Michigan State University descrive la ricerca su 1200 coppie “mature” monitorate per 5 anni.

La scarsa qualità del rapporto matrimoniale è un fattore di stress che può provocare nel tempo malattie cardiache soprattutto alle donne.

Ma perchè questa differenza?

Le donne sono abituate a pensare e a parlare dei loro sentimenti e sono più disponibili alle esigenze dell’altro. Se un matrimonio si deteriora, una donna è più sensibile, cioè ha maggiori probabilità di sviluppare problemi di salute in quanto le donne tendono  a interiorizzare i loro sentimenti negativi molto più degli uomini e pertanto sono più a rischio di problemi cardiovascolari quando un matrimonio è in crisi.

http://www.annamariagiancaspero.it

La Sindrome di Rebecca

La Sindrome di Rebecca e’ la gelosia per il passato sentimentale del partner.

Il nome deriva proprio dal celebre film di Alfred Hitchcock ” Rebecca la prima moglie”.

Nell’individuo si innesca una vera e propria ossessione per le esperienze vissute dal partner nelle relazioni precedenti. Egli non tollera che vengano menzionati luoghi ed eventi che appartengono ai legami già vissuti.
La Sindrome di Rebecca si innesca (in alcuni casi anche in forma ossessiva) anche solo con riferimenti minimi o assolutamente casuali.
L’individuo prova una rabbia tormentosa che pregiudica la qualità della relazione e il dialogo fra i partner.
Una delle cause principali di questa problematica è identificata in una scarsa ed inappropriata rappresentazione di sé, che induce a ritenersi indegno  dell’amore del partner..
La Sindrome di Rebecca colpisce spesso le persone fortemente sensibili e danneggiate nella capacità di sentirsi amabili.
Il rivale del passato viene idealizzato e sussiste il sospetto che il partner sia comunque impegnato a ricordare esperienze affettive precedenti.
Purtroppo la sola rassicurazione da parte del partner non serve a placare il dubbio della fedeltà. L’autostima si mantiene vacillante e “Rebecca”, se non viene contrastata da un buon lavoro clinico, fa sentire la propria presenza!!

http://www.annamariagiancaspero.it

Calo del desiderio

E’ una disfunzione sessuale compromette la fase del desiderio e può colpire sia uomini che donne.
Questa tipologia di disfunzione danneggia il singolo, la coppia e la qualità della vita intima e relazionale.

Essa, può manifestarsi in varie circostanze:

Questa disfunzione non va mai sottovalutata perchè può indurre l’innescarsi di altre problematiche sessuali, quali difficoltà di erezione e ansia da prestazione. L’uomo si comporta come se non percepisse gli stimoli eccitatori e tutto ciò alla lunga compromettere le relazioni sentimentali provocando un allontanamento dei due partner.

Cosa fare in questi casi?

È necessaria un’anamnesi particolareggiata che indaghi necessariamente prima gli aspetti fisiologici e successivamente quelli psicologici, relazionali.

 

http://www.annamariagiancaspero.it